INSERIMENTO LAVORATIVO

Nell’ambito delle attività facenti parte del P.A.I. (Progetto Assistenziale Individuale), uno degli obiettivi fondamentali che il Centro Diurno si pone è quello di realizzare le basi, laddove sia possibile, per un inserimento di tipo lavorativo. In altre parole, con l’aiuto di un attento e meticoloso lavoro d’equipe, partendo dall’osservazione delle potenzialità residue del soggetto, si passa attraverso il potenziamento di quelle abilità nei confronti delle quali questi dimostra una maggiore predisposizione, fino ad arrivare ad un’analisi approfondita del territorio per reperire gli enti o le aziende che sarebbero disposti ad un’assunzione del soggetto stesso.

Il tutto viene svolto nella più assoluta armonia con la famiglia di appartenenza, che deve necessariamente condividere il progetto per poter garantire una continuità al lavoro di preparazione all’autonomia svolto presso il Centro, anche all’interno delle mura domestiche.

E’ importante sottolineare quanto l’attività di preparazione e di “tutoraggio” del soggetto da parte dell’equipe socio-psico pedagogica durante il percorso di inserimento lavorativo sia imprescindibile al fine della riuscita dell’inserimento stesso. Tentativi affrettati, anche da parte delle famiglie stesse, si rivelano infatti, quasi inevitabilmente inutili e nella maggior parte dei casi possono culminare in un fallimento che può portare a conseguenze anche gravi nella condizione psico-sociale del soggetto: sensazione di smarrimento, effetti negativi sull’autostima, depressione, rifiuto di ulteriori possibilità. L’equipe ha dunque il compito fondamentale di favorire l’empowerment dell’utente che, se aiutato, seguito, accompagnato, può ottenere dei risultati inattesi. Essa parte dal presupposto che il soggetto può farcela e, laddove non ci riesca, lo aiuta ad accettare la sua condizione, fornendo un appoggio costante sia a questi che alla sua famiglia.

In secondo luogo non bisogna trascurare il valore della ricerca e della la sensibilizzazione del territorio: non tutti, infatti, sono disponibili all’assunzione di un soggetto con disabilità, non tutti hanno le risorse per farlo. Il Centro Diurno si pone l’obiettivo di rendere il soggetto autonomo, ma anche di illustrare alle aziende i vantaggi che il soggetto disabile può portare, tra cui quelli relativi alle agevolazioni della legge 68/99.

In primo piano

07/02/2017
Leggi la notizia qui: http://aipd.it/al-via-